Facebook Twitter Gplus E-mail RSS
Home Marche Kia Nuove Kia cee’d e cee’d Station Wagon – Salone di Ginevra 2012

Nuove Kia cee’d e cee’d Station Wagon – Salone di Ginevra 2012

Al Salone di Ginevra 2012 Kia presenta la nuova generazione delle medie cee’d e cee’d Station Wagon, totalmente rinnovate sia nell’estetica che nella meccanica. Abbandonata quindi quell’aria leggermente dimessa della serie attuale, la cee’d si configura ora come una segmento C moderna e ricca di contenuti che potrebbe tranquillamente competere con tutta la migliore concorrenza (leggi Volkswagen Golf, Renault Megane, Ford Focus, Opel Astra). Dopo il salto la analizzeremo nel dettaglio con foto e dati ufficiali provenienti dalla kermesse ginevrina e cercheremo di spiegare perchè proprio il patron della Volkswagen abbia affermato di aver più paura dei coreani che dei giapponesi.

RINFORZATA – Partiamo da quello che non si vede: la scocca. Rispetto ad oggi, grazie all’impiego di acciai ad alta ed altissima resistenza (57% sul totale), il telaio è più rigido del 45%, a tutto vantaggio delle qualità dinamiche e della sicurezza. Le sospensioni prevedono uno schema MacPherson all’avantreno e multilink al retrotreno e beneficiano dell’aumento delle carreggiate per migliorare ulteriormente la stabilità di marcia.

 

DIMENSIONI – L’obbiettivo della Casa era quello di aggiungere un tocco di emotività e passione alle ormai famose doti di affidabilità e concretezza che contraddistinguono sempre più il marchio. Effettivamente il risultato sembra piacere al pubblico ed alla stampa. La carrozzeria della nuova cee’d 5 porte è lunga 4.31 metri (+50 mm), mentre l’altezza massima è 1.40 (-10 mm) grazie all’assetto più basso. Il pianale è completamente nuovo ma mantiene invariato il passo di 2.65 metri. Mentre la larghezza esterna della carrozzeria è diminuita di 10 mm (1.780 metri), le carreggiate sono cresciute rispettivamente di 17 mm all’avantreno e di 32 mm al retrotreno. Notevole la cura aerodinamica del modello: il Cx è pari a 0,30, a tutto vantaggio di consumi (-4%) e silenziosità di marcia.

ECO-FRIENDLY – La gamma presenta un range di potenze compreso fra 90 e 135 CV. In Italia l’offerta comprenderà due soluzioni a benzina (il 1.4 MPI con 100 CV e il 1.6 GDI con 135 CV) e due diesel (il 1.4 WGT con 90 CV e il 1.6 WGT nelle versioni con 110 e 128 CV). La nuova cee’d sarà disponibile anche equipaggiata con le specifiche tecnologie EcoDynamics, sviluppate per limitare consumi ed emissioni: esse comprendono il sistema start&stop ISG, l’alternatore a funzionamento “intelligente” AMS e i pneumatici a basso attrito di rotolamento e riguardano tutte le versioni a benzina e diesel con cambio manuale.

5 STELLE EURO NCAP – Lo sterzo utilizza un sistema di servo assistenza elettrica. A richiesta la nuova cee’d può essere equipaggiata con il sistema Flex Steer che permette di selezionare tre differenti modalità: “comfort”, “normal” e “sport”, corrispondenti ad altrettante tarature del livello di assistenza e di sensibilità al volante, per adattarle alle condizioni di marcia ed alla volontà del guidatore. La vettura ha inoltre ottenuto le 5 stelle nei crash-test dell’Euro NCAP.

DIESEL – Parlavamo dei motori. Kia prevede che in testa alle preferenze dei clienti ci sarà il 4 cilindri diesel 1.6 con turbina a geometria variabile, capace di erogare 128 CV e 260 Nm di coppia massima; abbinato a cambi a 6 rapporti, manuale o automatico, è in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in meno di 11 secondi. Il consumo nel ciclo combinato è di 4,1 L/100 km, che scendono a 3,7 litri/100 km nelle versioni “EcoDynamics”. Le emissioni di CO2 partono da 97 gr/km. Più tranquillo il turbodiesel 1.4 da 90 CV e 220 Nm di coppia massima: consente alla vettura di accelerare da 0 a 100 km/h in 13,5 secondi e tocca una punta massima di 170 km/h, con un consumo medio di 4.1 L/100 km ed emissioni di CO2 pari a 109 g/km.

BENZINA – Sul fronte benzina ecco comparire il nuovo 4 cilindri 1,6 GDI: già disponibile sul SUV Sportage, è dotato di iniezione diretta ed eroga 135 CV, mentre la coppia motrice è di 164 Nm. Con questo propulsore la nuova Cee’d accelera da 0 a 100 km/h in 9,9 secondi con un consumo medio di 5,8 L/100 km (5,2 L/100 km nelle versioni EcoDynamics) ed emette 119 gr/km di CO2. Non manca un più economico 1.4 da 100 CV e 137 Nm di coppia motrice: permette alla Cee’d di accelerare da 0 a 100 km/h in 12.8 secondi e tocca una velocità massima di 182 km/h. Il consumo medio è pari a 6.0 L/100 km, con emissioni di CO2 pari a 139 g/km.

TRASMISSIONE  – Tutti i motori dispongono di cambi manuali o automatici a 6 marce a seconda delle versioni. Questi ultimi sono dotati di “paddle shift” di serie (ossia, i comandi del sequenziale al volante); il 1.6 GDI può adottare il nuovo DCT a doppia frizione: esso funziona come due cambi meccanici in parallelo (un albero per i rapporti di 1a, 3a, 5a e retromarcia e uno per 2a, 4a, e 6a) ciascuno con una propria frizione a secco. Mentre un rapporto è collegato alla trasmissione, l’altro albero provvede ad innestare il rapporto successivo e il passaggio marcia avviene semplicemente con il disinnesto di una frizione e l’innesto dell’altra, praticamente senza interruzione nella trasmissione di coppia alle ruote. Attuatori elettrici comandati dalla centralina di controllo motore azionano sia le frizioni sia l’innesto degli ingranaggi.

Insomma, pare che le carte per ritagliarsi uno spazio maggiore della serie attuale nella categoria delle medie ci siano tutte. Staremo quindi a vedere se il patron della Volkswagen “c’aveva visto giusto”.

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
1 Comment  comments