Facebook Twitter Gplus E-mail RSS
Home Attualità Gli Europei di calcio e lo sciopero alla Fiat-Sevel indetto dalla Fiom

Gli Europei di calcio e lo sciopero alla Fiat-Sevel indetto dalla Fiom

Dopo gli ultimi eventi legati alla saga Fiat-Fiom è sempre più difficile trovare argomenti per screditare la teoria di Sergio Marchionne, secondo la quale esiste un legame molto forte fra le date degli scioperi indetti da questa sigla sindacale e quelle delle partite di calcio più significative che vedono protagonista la Nazionale Italiana. Ma vediamo cos’è successo nel dettaglio. Tutto dopo il salto.

Ecco il comunicato ufficiale di Fiat rilasciato poche ore fa.

La Fiom ha proclamato per oggi alla Sevel di Val di Sangro uno sciopero di quattro ore in coincidenza con lo svolgimento della semifinale del campionato europeo di calcio tra Italia e Germania.

L’iniziativa viene ufficialmente presentata come un’azione di protesta contro la politica del governo e la riforma del mercato del lavoro. Ma la scelta dell’orario e la programmazione solo sul secondo turno non lasciano dubbi. Si ripropone un film già visto in passato, quando guardare la partita di calcio era più importante che andare a lavorare.

Vale la pena di ricordare che appena due giorni fa, il 26 giugno, la Fiom aveva già indetto uno sciopero con le stesse motivazioni e che l’adesione era stata inferiore al tre per cento sulla media dei tre turni.

Riteniamo doveroso prendere posizione contro questo uso assolutamente improprio e strumentale del diritto di sciopero.

Ci preoccupa questa condotta estremamente disinvolta della Fiom che, in un momento di grave difficoltà economica, mette la partita di calcio davanti alle esigenze produttive. 

E voi cosa ne pensate? Marchionne troppo ossessionato o Fiom un po’ lavativa? Ditecelo nei commenti qui sotto.

Fonte: fiatpress.it

 
Tags: , , ,
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn
1 Comment  comments